E' verità universalmente riconosciuta che una fan di Jane Austen desideri diventare come un'eroina dei suoi romanzi!

martedì 4 ottobre 2011

Ragione e sentimento: la mia recensione





Con questo post inizio le celebrazioni per il bicentenario della pubblicazione di Ragione e sentimento! Questa è la mia recensione del romanzo.

La ragione ed il sentimento governano la vita di ogni essere umano, ciò è più che ovvio e naturale. Quale che sia la quantità di ciascuno dei due, beh, questo non può essere previsto ed è a discrezione di ciascuna indole. Ma cosa accade quando uno dei due atteggiamenti prevale sull'altro? E' più auspicabile un eccesso di razionalità o un eccesso di sensibilità? Forse nessuno dei due... o forse entrambi. Elinor e Marianne, le due protagoniste di questo romanzo, con il loro sentire, con il loro agire rappresentano le due facce della medaglia e ciò sarà la loro croce e delizia: la differenza nel modo di approcciarsi alla vita non le risparmierà da sofferenze e delusioni. L'assennata Elinor dovrà tribolare per affermare il suo amore col timido Edward e la passionale Marianne dovrà fare i conti con la sua indole (e le sue illusioni) nel peggiore dei modi: innamorandosi dell'uomo sbagliato che la ingannerà e la porterà quasi a morire d'amore, per poi salvarsi e comprendere la natura eccessiva e folle del proprio sentire, fino ad una ovvia maturazione e all'amore per il devoto Colonnello Brandon.

Se ne potrebbe ricavare la lezione che il sentimento eccessivo (e le tristi conseguenze) è pur sempre meno auspicabile di una più composta ed equilibrata condotta; sembrerebbe che la condotta di Elinor sia più giusta di quella di Marianne... e forse è così, o forse niente affatto, dal momento che il senno di Elinor non le impedisce di soffrire...

E allora? E' più giusto giungere alla conclusione che non esista un atteggiamento più corretto rispetto ad un altro, l'eterna lotta tra ragione e sentimento non giungerà mai ad un compromesso; pertanto, lasciamo che Elinor e Marianne vivano dentro ognuno di noi come si conviene alle circostanze, sperando immancabilmente che, come accade a loro, anche per ognuno di noi un consolante lieto fine possa ridare gioia al nostro cuore...

Voto: 10




8 commenti:

Strawberry ha detto...

da mesi sul mio "comodino"...il bicentenario sarà una buona occasione per leggerlo finalmente! ;-)

Silvia ha detto...

Beata te che lo devi ancora leggere! Buona lettura!

;-)

Galatea ha detto...

Mi sa che mi tocca rileggerlo per festeggiare :D

Silvia ha detto...

@Galatea: non c'è modo migliore per festeggiare, in effetti! Buona lettura!

;-)

La Duchessa ha detto...

Colgo l'occasione per salutarti...Un abbraccio!!

Silvia ha detto...

@La Duchessa: un salutone anche da parte mia!

;-)

TuristadiMestiere ha detto...

letto il libro e visto il film: la verità sta nel mezzo, il giusto equilibrio tra ragione e sentimento. Certo, a riuscirci...P.S. cara, mi voti, se non lo hai già fatto??? http://www.turistadimestiere.com/2011/10/votatemi.html

Silvia ha detto...

@TuristadiMestiere: non è facile raggiungere un simile equilibrio... ma giorno dopo giorno si può imparare!

;-)