E' verità universalmente riconosciuta che una fan di Jane Austen desideri diventare come un'eroina dei suoi romanzi!

sabato 22 novembre 2014

Lily Elsie, la donna più fotografata dell'epoca edoardiana!



Lily Elsie (1886-1962) è stata una celebre attrice teatrale nell'Inghilterra edoardiana. Costruì la sua grande popolarità grazie alle commedie musicali, operette e musical di cui fu protagonista e trionfò come prima interprete de La vedova allegra nel 1907.
Bella ed elegante, Lily Elsie è stata una delle donne più fotografate della sua epoca!




















































giovedì 20 novembre 2014

Angel - La vita, il romanzo



Inghilterra, inizio Novecento. Angel Deverell è una giovane dalla fervida immaginazione che sogna di sfuggire alla grigia realtà delle sue umili origini per diventare una famosa scrittrice. Ben presto, grazie al successo dei suoi romanzi, diventerà la regina del feuilleton e potrà ottenere tutto ciò che ha sempre desiderato: la fama, vivere nella splendida tenuta di Paradise House e sposare l'affascinante pittore Esmé. Ma scoprirà amaramente che la vita reale non è un romanzo...

Film del 2007 di Francois Ozon tratto dal romanzo del 1957 di Elizabeth Taylor (si tratta di un'omonima!) con Romola Garai e Michael Fassbender, Angel - La vita, il romanzo ha per protagonista uno dei personaggi più indisponenti e poco simpatici della storia della narrativa! Sì, perché Angel è un'egocentrica e a tratti egoista ragazza di provincia, senza particolari qualità o meriti, che ha la sola fortuna di possedere una fantasia così illimitata da consentirle di scribacchiare quattro scemenze che la faranno diventare una celebrata scrittrice. Senza un briciolo di umiltà, dai gusti grossolani ed eccessivi, riuscirà facilmente a farsi strada nel mondo, benché il suo sia un mondo pieno di illusioni; è infatti Angel stessa la vera protagonista dei suoi romanzi, quei feuilleton pieni di amori assoluti, svenimenti e sospiri che l'autrice scrive su carta e pretende di vivere in prima persona, ma trattandosi di una creatura reale e non di carta finirà per scontrarsi drammaticamente con la realtà (come la guerra e il tradimento), realtà a cui non saprà opporsi... finendo per mandare in frantumi quella falsa vita cartacea che funziona bene solo con le eroine dei libri. Quando Angel si sveglierà dai suoi sogni e si renderà conto dell'illusione e della bugia della vita che ha vissuto sarà ormai troppo tardi...

Questo film è un feuilleton cinematografico a tutti gli effetti, nell'accezione meno onorevole del termine: trattandosi di un melodramma pieno di passioni assolute, litigi e riconciliazioni, tradimenti, lacrime e tragedie! Fin troppe tragedie. Questo per rendere ancora più romanzesca la maschera di Angel: autrice e protagonista della propria commedia. La Garai è brava nel ruolo di Angel, indisponente e irritante al punto giusto, bravo anche Fassbender. Belli i costumi di Angel: spesso eccessivi e coloratissimi, che quasi contrastano con i toni inquietanti dei quadri di Esmé; costumi, inoltre, fuori moda rispetto all'epoca di ambientazione, ma efficaci per mostrare la dimensione fuori dalla realtà in cui è immersa.

Angel - La vita, il romanzo è un film discreto: senza particolari emozioni, non brutto ma neanche bello... discreto! Con una protagonista non molto simpatica e una trama corredata da drammi non si poteva chiedere di più...

Voto: 6,5

martedì 18 novembre 2014

Una promessa



Germania, 1912. Il giovane Friedrich, di umili origini ma intelligente e operoso, trova lavoro in una fabbrica di acciaio. Ben presto l'anziano proprietario della fabbrica, molto malato, farà di Friedrich il suo segretario personale nonché uomo di fiducia al punto da ospitarlo nella sua casa. Lì pian piano nascerà l'amore tra Friedrich e la giovane e bella moglie del suo datore di lavoro. Quando il ragazzo è costretto a partire per il Messico per affari, i due innamorati si scambiano la promessa di aspettarsi nel corso di quei due anni di separazione e di vivere pienamente il loro amore al momento del ritorno di lui. All'inizio attraverso le lettere riescono a rimanere "vicini", ma poi lo scoppio della Grande Guerra li dividerà per moltissimi anni...

Diretto da Patrice Leconte e interpretato da Rebecca Hall, Alan Rickman e Richard Madden, Una promessa è tratto dal racconto Viaggio nel passato di Stefan Zweig.
Rifacendosi alle atmosfere del melodramma anni '40 e '50, il film racconta di una delicata storia d'amore che emerge lentamente nel cuore dei protagonisti, palesandosi non in maniera eccessiva o incontrollata, ma dolcemente e con tutta la "forza" struggente che solo i sentimenti sofferti hanno. E' un film senza particolari scossoni, senza grossi colpi di scena, dall'esito persino scontato, eppure sa emozionare senza strafare, raccontando in maniera lineare ma più che mai sentita la complicata storia d'amore che nasce tra Friedrich e Lotte; un amore fatto di sorrisi e di momenti fugaci, di frammenti di sonate per pianoforte e di paesaggi di quadri... il tutto a comporre un puzzle - non solo metaforico! - dai colori tenui, velato di nostalgia che solo dopo tanti anni e tanto dolore saprà mostrare la sua immagine.
Una promessa è un film che appassiona scena dopo scena, coinvolgendo lo spettatore sempre di più fino alla fine e non si può evitare di sperare, proprio come Lotte, che il lieto fine sia possibile...

Una promessa è un film davvero bello! Elegante e curatissimo, ottimi costumi e location, ottimo il cast - Rickman è una garanzia, bravi Rebecca Hall e Richard Madden. Mi è piaciuta la regia di Leconte. Ricca di Pathos ed emozionante la scena finale!
Una promessa è un film che riesce ad emozionare e a coinvolgere pur senza essere "eccessivo" o pieno di colpi di scena, pur senza essere al cardiopalma riesce ad appassionare con semplicità e delicatezza. In fondo, non tutti gli amori degni di nota devono essere per forza all'ennesima potenza o in grande stile: gli amori vissuti con discrezione, celati nel cuore non sono da meno...

Voto: 8

domenica 16 novembre 2014

Un premio per Keira!

Un paio di giorni fa Keira Knightley ha vinto il premio come miglior attrice non protagonista per The imitation game agli Hollywood Film Awards! E' così iniziata ufficialmente l'awards season!
The imitation game ha vinto molte categorie tra le quali miglior attore protagonista, miglior regista e miglior colonna sonora. Chissà che non sia una stagione dei premi trionfale per questo film...

Keira era elegantissima come sempre e raggiante per il premio vinto!
















Il video della premiazione...






Veramente particolare l'abito scelto per l'occasione!







venerdì 14 novembre 2014

Aspettando The imitation game...

In Inghilterra esce proprio oggi The imitation game, mentre qui in Italia dobbiamo aspettare fino al 1 gennaio per vederlo...

Intanto, sono uscite nuove bellissime clip del film...

















giovedì 13 novembre 2014

Keira ai Governors Awards...

Negli ultimi giorni Keira Knightley ha partecipato a diversi eventi in California legati a The imitation game, il più importante è stato ai Governors Awards organizzato dall'Academy: l'awards season si avvicina...

Come sempre, Keira si è dimostrata più che mai elegante!


Ai Governors Awards...















A una proiezione del film ospitata da Chanel...









martedì 4 novembre 2014

The imitation game: trailer e non solo...

In Italia uscirà a gennaio (mentre in Usa e Uk sarà nelle sale a giorni) l'attesissimo e acclamatissimo The imitation game. Diretto dal regista norvegese Morten Tyldum e interpretato da Benedict Cumberbatch e Keira Knightley, The imitation game è stato acclamato come un capolavoro dai critici e addetti ai lavori di mezzo mondo. Il film racconta la storia del genio della matematica Alan Turing che durante la Seconda guerra mondiale riuscì a decrittare il famigerato codice enigma utilizzato dai tedeschi, Turing - nella segretezza di Bletchley Park insieme ad altri geni dei numeri - inventò una macchina che riuscì a decifrare enigma; il film racconta anche il dramma personale di Turing che fu perseguitato nell'Inghilterra degli anni Cinquanta a causa della sua omosessualità.
The imitation game racconta in maniera commovente e toccante la tragedia di un'epoca e la tragedia personale di un uomo ingiustamente perseguitato a cui l'umanità deve moltissimo: perché la scienza che ha reso possibile i computer la dobbiamo ad Alan Turing.

Come detto, il film è stato accolto come un capolavoro e le interpretazioni di Benedict e Keira sono già considerate le migliori delle loro carriere! The imitation game sarà sicuramente uno dei più bei film degli ultimi anni!


Due trailer del film...







Due clip del film...







Due poster...







Due characters poster...







Un po' di immagini del film...









































I commenti della critica...