E' verità universalmente riconosciuta che una fan di Jane Austen desideri diventare come un'eroina dei suoi romanzi!

lunedì 9 maggio 2011

Hamlet: adorabile folle!




La vicenda è ben nota: siamo in Danimarca (dove, come sappiamo tutti, c'è del marcio) e il principe Amleto scopre che lo zio Claudio ha ucciso il padre per insediarsi sul trono e ha sposato la consolabile vedova, la regina Gertrude; dunque Amleto si finge pazzo per compiere la sua vendetta (quindi, come è solito accadere nelle tragedie shakespeariane, metà dei personaggi faranno una brutta fine).

L'Amleto è la mia opera preferita di Shakespeare, sono mezza innamorata di questo principe danese da anni, e questa trasposizione cinematografica è quella che amo di più! Si tratta di una trasposizione-capolavoro della tragedia del Bardo: versione che riporta integralmente il testo dell'opera, il film infatti dura quasi 4 ore (ma ne esiste anche una versione ridotta a 2 ore per la tv). Però un'opera così immortale può essere apprezzata nel pieno della sua meraviglia solo per intero, quindi per qualsiasi amante dell'Amleto questa pellicola è un gioiellino imperdibile!

Tale scelta da parte di Kenneth Branagh di riportare il testo integralmente è stata dettata dall'esigenza di dare una visione più completa all'opera, non tralasciandone alcun dettaglio, dare quella totalità che era stata impossibile nelle versioni precedenti, certamente più brevi. Questo ha permesso di approfondire meglio la psicologia di ciascun personaggio e di rendergli giustizia, dando ad ognuno lo spazio che merita. E' un cinema-teatro/teatro-cinema, è il teatro che si sposta su grande schermo, ma non come accade solitamente quando un testo teatrale viene tradotto per il cinema, in questo Hamlet si tratta del teatro che si trasferisce occasionalmente in sala di proiezione. Ha l'integrità e l'anima teatrale ma la grandiosità e la magnificenza del cinema! Come assistere ad una rappresentazione del Globe Theatre sulla poltrona di casa! Questa è indubbiamente la scommessa vinta da Branagh: avvicinare il teatro a tutti. La recitazione di ciascun attore è teatrale ma allo stesso tempo è così realistica e vicina a noi, tanto da sembrarci reale e quindi familiare, in un certo senso. Branagh è un Amleto incredibilmente intenso e straordinariamente affascinante, deliziosamente sopra le righe ed esagerato, capace di riportare alla perfezione il turbamento del tormentato principe. Kate Winslet è un'incantevole Ofelia, delicata e disperata; e tutto il cast si dimostra all'altezza, quasi in stato di grazia, beh, facile quando si ha a che fare con stelle internazionali come Julie Christie, Jack Lemmon, Robin Williams, Gerard Depardieu, Billy Crystal e moltissimi altri.

Uno degli elementi... anzi, forse il primo elemento che mi fa amare questa trasposizione più delle altre è la scelta di ambientare la vicenda non più nel classico Medioevo gotico, ma nell'Ottocento! Un Ottocento che, pur non confermandolo, cita apertamente le corti del Nord Europa! Con costumi che rimandano alle divise russe e nordeuropee e vestiti per signora in stile fine Ottocento. Straordinario il palazzo in cui è stato girato, Blenheim Palace nell''Oxfordshire, con le sue sontuose sale, i pavimenti a scacchi bianchi e neri, le maestose scalinate bianche e gli specchi. In effetti, una delle scene più suggestive del film si svolge nell'ampia sala degli specchi: Amleto declama i leggendari versi di "Essere o non essere" guardando negli occhi il proprio riflesso, mentre Claudio e Polonio lo spiano dall'altra parte. Hamlet è comunque visivamente eccezionale, con ogni scena studiata e girata con grande attenzione e cura, riecheggia quasi un'epoca dorata che non esiste più, che appartiene ai libri di storia.

Insomma, c'è tutto in questo film: fedele al testo originale, ma innovativo nella forma, fedele allo spirito shakespeariano e in grado di giungere all'anima stessa del testo. Bello visivamente, con grandi interpretazioni, commovente ed emozionante, teatrale e cinematografico in una sola volta, ambientato in un Ottocento fantastico senza tempo e senza storia... benché ci sia tutto del nostro passato lì. Io lo chiamerei capolavoro! Impossibile non amare Amleto, impossibile non amare questo Amleto! E sì, ogni volta spero sempre in un altro epilogo...

Consigliatissimo! Non fatevi demoralizzare dalla durata, scivola via che è un piacere! Na vale la pena!

Voto: 9

Link: trailer

4 commenti:

Phoebes ha detto...

Bellissimo film, è vero (anche se mi sa io ho visto solo la versione ridotta!) Anche per me è la trasposizione più bella dell'Amleto! ma Branagh ha fatto delle cose veramente molto molto belle con Shakespeare! Io adoro pure "Molto rumore per nulla"!!!!!

Silvia ha detto...

Branagh ha fatto un lavoro unico con Shakespeare!!!

Lady Boheme ha detto...

E' fantastico e complimenti per la tua splendida recensione!!! Un bacio

Silvia ha detto...

@Lady Boheme: grazie!!!!