E' verità universalmente riconosciuta che una fan di Jane Austen desideri diventare come un'eroina dei suoi romanzi!

giovedì 13 gennaio 2011

Quattro volte Disney!

Quest'anno durante le feste natalizie la Rai ha trasmesso tantissimi cartoni della Disney, e da grande amante dello zio Walt non ho perso l'occasione di rivedere alcuni dei suoi più grandi capolavori! Purtroppo, con grande rammarico, ho perso Cenerentola... ma quella sera mi trovavo altrove...
Ma sono riuscita a vedere gli altri! Tra cui tre classici che non vedevo da quasi vent'anni!



Ratatouille, insieme a Nemo, è il film che preferisco della Disney di "nuova generazione", ossia quelli fatti al computer! Ammetto che non sono una fan di questo nuovo filone... preferisco di gran lunga quelli disegnati a mano (infatti, ho apprezzato La principessa e il ranocchio proprio per questa ragione), ma la storia di questo topolino che sogna di fare il cuoco è troppo carina!
Voto: 8, 5
Link: trailer



La bella addormentata nel bosco era da quando andavo alle elementari che non lo vedevo! Ricordo che le mie amiche mi prestavano le videocassette dei cartoni Disney! Perciò quando ho visto che la Rai intendeva trasmettere i film delle Principesse mi sono entusiasmata! Certo, abituata a vedere e rivedere continuamente La bella e la bestia ho notato la differenza e mi sono accorta di quanto l'animazione fosse agli albori negli anni Cinquanta! I personaggi, su tutti Aurora, sono disegnati benissimo... ma gli sfondi e i paesaggi sono piuttosto piatti e inanimati! Laddove ne La bella e la bestia sembra tutto vero! Poi naturalmente la tematica della "principessa in pericolo che può essere salvata solo dal valoroso Principe Azzurro" è datata e riflette la mentalità dell'epoca: oggi sarebbe quasi impensabile raccontare la favola di una ragazza che per tirarsi fuori dai guai ha bisogno di un prode cavaliere! Il mondo è cambiato anche in questo...
Però rimane pur sempre una favola bellissima e un capolavoro!
Voto: 8






Biancaneve è l'altro classico Disney che non vedevo dalle elementari. In questo, benché sia il primissimo lungometraggio di zio Walt datato 1937, ho trovato una migliore animazione per quanto riguarda i paesaggi, che risultano meno piatti; inoltre, non ricordavo che i 7 nani fossero tanto comici e simpatici: dovrebbero dedicar loro uno spin-off!!! Sarebbero esilaranti! Qualche settimana fa leggevo l'intervista alla "vera Biancaneve": si tratta di Marge Champion ed è stata lei a prestare volto e fattezze alla prima principessa Disney! Infatti, all'epoca i film di animazione si realizzavano con attori in carne ed ossa che recitavano e poi disegnatori e animatori ricalcavano i loro movimenti per disegnare i personaggi e realizzare le varie scene! La curiosità è che Marge Champion all'epoca non si rendeva conto di quanto Biancaneve avrebbe cambiato la storia del Cinema! Per lei sarebbe stato qualcosa di unico e che mai si sarebbe ripetuto; L'idea di un intero film fatto a disegni appariva come qualcosa di insolito... e ciò creò diversi guai a zio Walt: perché nessuno voleva investire denaro nel progetto Biancaneve che a Hollywood chiamavano "la follia di Disney"! Ritenendo che sarebbe stato un flop... invece, come racconta Marge Champion, il giorno della prima la gente rimase senza fiato quando iniziò il film e lei capì che il Cinema sarebbe cambiato per sempre! Beh, dopo più di settanta anni e una cinquantina di capolavori... si può ben dire che quanti chiamavano Biancaneve la follia di Disney sono passati alla Storia sotto la categoria"Le ultime parole famose"!
Voto: 8

Anche Dumbo non lo vedevo da parecchi anni e non ho perso l'occasione! Tenerissimo e dolcissimo! Ma soprattutto un film dal grande significato: si parla, infatti, di emarginazione e discriminazione, quella che subisce il piccolo Dumbo scacciato dalle elefantesse del circo perché considerato un diverso a causa delle sue orecchie. Una tematica tanto presente allora (siamo nel 1941) quanto ahimé ancora oggi. Dumbo indubbiamente fa riflettere. Sarà il topolino a credere in lui e a far trovare al piccolo elefantino il suo posto nel mondo; perché essere diversi non vuol dire essere meno meritevoli... e anzi, spesso la diversità può essere un punto di forza per emergere. Non ci si deve vergognare di essere ciò che si è, essere se stessi è la cosa più importante, sempre. Non è forse un messaggio più che mai attuale? Visto che ancora oggi l'emarginazione esiste, in Italia e nel mondo, ahimé.
Molto commovente la scena di Dumbo che va a trovare la mamma, rinchiusa in una gabbia perché si era arrabbiata quando avevano preso in giro il suo piccolo.
Un film intramontabile! Che possa insegnare ancora e ancora la tolleranza e il rispetto!
Voto: 9

5 commenti:

Lunga ha detto...

l'hai visto rapunzel? a me è piaciuto tanto... cantate a parte, come sai non amo molto le parti musical!!!

sylvia-66 ha detto...

Non me li sono persi!!!! Quel sant'uomo di mio marito ormai è rassegnato, non solo "mi porta" a vedere i cartoni al cinema ma sopporta anche le mie reiterate visioni in casa! La Bella Addormentata mi è particolarmente vicino al cuore perché è stato il mio preferito quando ero bambina. E quei disegni così netti, ai miei occhi hanno un'aria vagamente gotica che mi piace tanto... Hai fatto bene a ricordarli tutti, qui!

Silvia ha detto...

@Lunga: no, non l'ho visto Rapunzel, ma ne ho sentito parlare benissimo! E se non erro è un esempio di principessa moderna che non ha bisogno di aspettare il cavaliere che la salvi, vero?

@sylvia-66: credo che i cartoni non abbiano età! Quindi fai bene a farti portare al cinema da tuo marito!

Federica ha detto...

volevo vedere dumbo che non ho mai visto ma quella domenica pomeriggio me ne son scordata!

ratatouille l'avevo visto al cinema: bello bello!!

Silvia ha detto...

@Federica: davvero non hai mai visto dumbo? Mi pare che dovrebbe essere allegato a Tv, sorrisi e canzoni in questo periodo...