E' verità universalmente riconosciuta che una fan di Jane Austen desideri diventare come un'eroina dei suoi romanzi!

sabato 23 aprile 2016

William Shakespeare, 400 anni dopo



Non sia mai ch'io ponga impedimenti all'unione di anime fedeli;
Amore non è Amore se muta quando scopre un mutamento
o tende a svanire quando l'altro s'allontana. Oh no! Amore
è un faro sempre fisso che sovrasta la tempesta e non vacilla mai;
è la stella-guida di ogni sperduta barca, il cui valore è sconosciuto,
benché nota la distanza. Amore non è soggetto al Tempo,
pur se rosee labbra e gote dovran cadere
sotto la sua curva lama; Amore non muta in poche ore o settimane,
ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio: se questo è errore
e mi sarà provato, io non ho mai scritto, e nessuno ha mai amato.

William Shakespeare, Sonetto 116




Oggi ricorre il 400esimo anniversario della morte di William Shakespeare (1564-1616) il più grande poeta e drammaturgo di tutti i tempi. Shakespeare ha segnato la sua epoca, ma tale è la forza e la bellezza delle sue tragedie, delle sue commedie e dei suoi sonetti da rendere le sue opere attuali in ogni epoca: infatti ancora oggi i suoi lavori sono fonte inesauribile di ispirazione e di ammirazione! I personaggi creati da Shakespeare dopo oltre 400 anni hanno ancora il potere di svelare con grande lucidità il mondo, le persone, la vita... il Bardo è riuscito come pochi a inquadrare i segreti della natura umana e a raccontarli alla perfezione, per questo continuiamo ad amare le sue opere e a rispecchiarci nei suoi personaggi!
Con ammirazione e gratitudine festeggiamo questo importante anniversario con la consapevolezza che l'opera shakespeariana non smetterà mai di parlare al mondo!

2 commenti:

vanessa varini ha detto...

Grandissimo poeta e drammaturgo inglese, dobbiamo omaggiare le sue opere!😊 La mia preferita è Giulietta e Romeo (ne ho fatto anche un post❤) una vicenda tragica ma colma di romanticismo! Buon sabato!👋

Silvia ha detto...

Sì, è giusto omaggiare il suo genio!

;-)