E' verità universalmente riconosciuta che una fan di Jane Austen desideri diventare come un'eroina dei suoi romanzi!

mercoledì 18 marzo 2015

Cenerentola 2015



La giovane Ella conduce una vita semplice e felice con il padre, questo almeno finché il genitore non decide di risposarsi con un'altezzosa vedova provvista di due sciocche figlie. Purtroppo non molto tempo dopo il padre muore lasciando Ella sola con la matrigna e le sorellastre che la declassano a sguattera di casa. Ormai diventata Cenerentola, Ella sopporta con dignità le angherie e le umiliazioni quotidiane senza perdere la gentilezza e i valori che le hanno insegnato i genitori. Ma il destino ha in serbo grandi novità per lei: un giorno nel bosco incontra casualmente un bel giovane e se ne innamora; lui - che non è altri che il principe - farà di tutto per rivedere la misteriosa ragazza che gli ha rapito il cuore... al punto da arrivare ad organizzare un magnifico ballo a Palazzo pur di ritrovarla... Una fata pasticciona e una scarpetta di cristallo penseranno al resto...

Versione live action diretta da Kenneth Branagh, Cenerentola si riallaccia in maniera fedele alla versione Disney animata del 1950. La storia è rimasta la stessa: la buona orfana in balia della perfida matrigna e delle brutte sorellastre che riesce ad andare al ballo grazie alla fata - che trasforma per lei zucche e topolini - e lì corona il suo sogno d'amore con il principe, che la ritrova grazie alla scarpetta. Solo che i tempi cambiano e anche le fiabe si adeguano. Così in questa versione troviamo una Cenerentola più moderna, non debole o rassegnata, ma razionale e realista, non disposta a farsi abbattere dalle avversità. Una Cenerentola che - pur senza saperlo - tiene testa nientemeno che al principe pur di perorare la causa di un cervo nel bosco! Una Cenerentola che, infine, non teme di essere se stessa e di accettarsi e farsi accettare dal suo amato per quella che è davvero; rivendicando che anche il più umile ha diritto alla dignità. Rivendicando soprattutto la necessità di essere se stessi contro le convenzioni e le apparenze, cosa che spingerà il principe a rifiutare un matrimonio d'interesse in favore del vero amore.
I temi centrali del film sono la gentilezza e il coraggio - che ci vengono rammentati a più riprese -, valori da portare avanti sempre e comunque anche nei momenti più difficili della vita: perché solo così si può trovare la felicità anzitutto dentro di noi, prima ancora che in concreto attorno a noi. E allora Cenerentola che viene ripagata delle amarezze con l'amore vero ci suggerisce di non smettere di sperare che le cose possano cambiare per tutti. Anche se nella vita reale non ci sono molte fatine dietro l'angolo pronte ad aiutarci...
Aspetto interessante di questa versione è che nell'antefatto si dà spazio all'infanzia di Ella, così da conoscere la sua vita prima delle infauste seconde nozze del padre: in questo modo abbiamo un quadro più completo e chiaro di tutta la vicenda e della personalità della protagonista.

La Cenerentola di Branagh è uno spettacolo grandioso! Ogni minimo dettaglio lascia senza parole: è una favola di film non solo per il genere trattato! Ottimi gli effetti speciali. Le location sono splendide, i paesaggi danno proprio l'idea di regno incantato! La casa di Cenerentola è carinissima, per non parlare del castello: con saloni, quadri e giardini stupendi! i costumi disegnati da Sandy Powell sono eccezionali e coloratissimi! Spiccano naturalmente l'abito azzurro del ballo e l'abito da sposa di Cenerentola! Ma anche gli eleganti outfit della matrigna, i variopinti abiti delle sorellastre e l'abito della fata: un modello in stile settecentesco che rinnova completamente l'immagine da signora attempata che tutti abbiamo della benefattrice di Cenerentola! Deliziose, infine, le scarpette di cristallo!
Perfetto il cast: Lily James è molto graziosa e ha un viso acqua e sapone ideale per il ruolo della dolce e coraggiosa Ella; il principe di Richard Madden è proprio come dovrebbe essere un principe: bellissimo e romantico! Cate Blanchett, grandissima come sempre, risulta regale persino nel ruolo della super perfida matrigna; mentre è geniale la fata pasticciona e un po' svampita di Helena Bonham Carter!
Ho apprezzato anche quel tocco di ironia presente nelle scene della fata che aiuta Cenerentola con i preparativi del ballo con l'ausilio di topolini, oche e lucertole trasformati per l'occasione in bizzarri cavalli, cocchieri e valletti!

Cenerentola è davvero un bel film, riuscito grazie ad una storia intramontabile che nel tempo non perde il suo fascino. E' un bel film grazie a Kenneth Branagh, il quale riesce ogni volta a fare centro con i suoi lavori puntando sempre al cuore, senza risultare mai scontato o banale. Anche stavolta ci riesce reinventando una storia raccontata tante volte e con tutti quegli elementi che ci si aspetta da un'opera del genere... però riuscendo a dare al film una ventata di novità, la sua visione personale e unica! Senza che ci sia qualcosa di eccessivo o esagerato.
Questa versione di Cenerentola è riuscita perché, in fin dei conti, i sogni son desideri... e sognare un po' non fa mai male...

Voto: 8,5



4 commenti:

kassandra black ha detto...

Oggi finalmente vado a vederlo, non vedo l'ora!

Silvia ha detto...

E' bellissimo!!! <3

;-)

Federica ha detto...

Domenica andrò a vederlo con la mia bimba, Lavinia, che viene solo ad accompagnarmi perché vuole vedere il corto di Frozen... lei lo adora!!!
Ah ah, io invece amo Cenerentola...
Baci, Federica

Silvia ha detto...

@Federica: ahahahah!!!!

XD