E' verità universalmente riconosciuta che una fan di Jane Austen desideri diventare come un'eroina dei suoi romanzi!

venerdì 29 agosto 2014

Reign: che la regina fashion victim possa regnare a lungo!



Intorno al 1557, Maria Stuart regina di Scozia sbarca alla corte di Francia per sposare il delfino Francesco, in modo da suggellare un'alleanza che dura da anni e per tenere al sicuro la giovanissima regina dalle minacce inglesi. Lì Maria dovrà vedersela con profezie funeste sulla sua futura felicità matrimoniale, con i complotti della quasi suocera Caterina de' Medici disposta a tutto pur di salvaguardare il figlio Francesco, con le sempre presenti minacce provenienti dall'altra parte della Manica e con i tipici intrighi di corte che non possono mancare in una buona corte reale che si rispetti...

Telefilm della CW in 22 episodi, Reign segna il debutto del period drama per il network, abituato a serie tv dalle atmosfere più urban fantasy e teen drama.
Reign si focalizza sugli anni giovanili di Maria Stuart e sulla sua "avventura" francese, quando si unì in matrimonio con il principe Francesco, suo promesso sposo da tutta la vita, per un'alleanza indispensabile alla Scozia costantemente minacciata dall'Inghilterra, soprattutto dopo l'avvento dei protestanti a seguito dello scisma voluto da Enrico VIII. Così Maria, regina a pochi giorni di vita e cattolica, passò l'infanzia in costante pericolo e l'alleanza con la Francia era la sua sola possibilità di sopravvivere e soprattutto l'unica possibilità per la Scozia di non cadere nelle mani degli inglesi; un contesto più che mai in fermento che stava per segnare l'avvento di Elisabetta I sul trono d'Inghilterra al posto della sorellastra cattolica Maria Tudor.
Naturalmente Reign parla di questo, ma lo fa in maniera molto più romanzata e leggera di quanto ci si aspetterebbe da un period drama degno di questo nome. Sì, perché Reign affianca ai fatti e ai personaggi storici tante situazioni inventate e tanti personaggi di fantasia per renderlo un prodotto più facilmente fruibile a un target di spettatori più abituati a telefilm "leggeri". Si tratta di una serie storica che rievoca un preciso momento storico animata da personaggi storici, ma in gran parte il telefilm si regge su intrecci di fantasia e personaggi inventati. A rendere vivace la trama, dunque, oltre ai personaggi reali quali Maria, Francesco, Caterina de' Medici, re Enrico II e Nostradamus, ci sono anche e soprattutto una serie di personaggi nuovi di zecca non riscontrabili nei libri di storia: come Bash, figlio illegittimo del re e della sua favorita Diana di Poitiers, il quale finisce per innamorarsi senza speranza di Maria; ad animare la trama ci sono poi le amiche e dame di compagnia di Maria: una come amante del re, una come madre di un figlio illegittimo del delfino, una innamorata di un servitore. Inoltre, alla corte c'è un viavai di personaggi più o meno inventati che servono all'evoluzione della trama di finzione. Poi ci sono personaggi realmente esistiti leggermente adattati al contesto di questo "period teen drama" come Nostradamus: sempre alle prese con profezie funeste ecc. ma un tantino più giovane e aitante di quanto uno si aspetterebbe dall'originale... anche se rispetto ad altri personaggi storici "riveduti e corretti" dalla tv americana ultimamente... Nostradamus è descritto in maniera persino "sobria"!
E in generale tutti i personaggi realmente esistiti finiscono per essere riadattati al contesto "moderno" del telefilm.

Con Reign siamo lontani anni luce dai period drama della tv inglese, Reign ha più dinamiche da teen drama che non da polpettone storico (io amo il polpettone storico, ovviamente!) e si tratta di un prodotto atto a rendere la storia meno "pesante"e più accessibile a tutti, facendo attenzione più alle emozioni che non ad una rigorosa ricostruzione storica. Infatti, Reign fa di tutto per essere il più "moderno" possibile a partire dai fatti narrati e dalla caratterizzazione dei personaggi fino all'aspetto estetico della serie. L'ambientazione non è male, anzi: ottime location e abbastanza curata la scenografia rinascimentale del castello in cui si svolge l'azione; a peccare sono più che altro i costumi! Sì, i costumi sono a dir poco discutibili: invece di essere abiti dalle linee cinquecentesche... sono più che altro vestiti che sembrano provenire dall'atelier di alta moda di qualche super stilista! Maria e le altre sembrano pronte per sfilare sul red carpet più che vivere alla corte francese del '500! Ammetto che vedendo le prime puntate mi sono abbastanza spaventata per i costumi - tra scollature e trasparenze non molto rinascimentali - ma ho finito per farci l'abitudine, anche perché puntata dopo puntata mi sono resa conto che l'obiettivo di Reign non era quello di fare una serie british di quelle che lasciano senza parole per la fedeltà e la verosimiglianza storica, ma quello di fare un telefilm appassionante che sapesse catturare l'attenzione di chi è poco avvezzo alla storia... e dimostrare che in fin dei conti la storia può anche non essere "noiosa", anzi!
Per questa ragione, nonostante la poca fedeltà ai fatti storici e agli usi e costumi dell'epoca, Reign è un telefilm che funziona: perché non cerca di essere quello che non può essere, ma cerca di intrattenere puntando su qualcos'altro. Così pur con tante dinamiche inventate e con costumi discutibili, Reign diverte grazie ad una colonna sonora fatta di canzoni pop (come avviene nei tanti teen drama che imperversano nella tv americana) e con le complicate dinamiche amorose tra Maria e Francesco (senz'altro appassiona il loro amore contrastato e mai facile), e con tutte le altre situazioni sentimentali più che mai complesse.
Buono il cast: mi piace molto la Maria di Adelaide Kane; Bash è uno dei personaggi che preferisco, Caterina de' Medici è sicuramente uno dei personaggi più riusciti della serie e persino Nostradamus mi piace molto... nonostante le dovute correzioni per renderlo accettabile al contesto del telefilm.

E allora Reign intriga lo spettatore con una formula leggera e avvincente, accessibile a tutti, fatta di intrighi di corte, profezie e coppie per cui fare il tifo! Non sarà la tv inglese... ma una regina cinquecentesca fashion victim non ce l'ha nemmeno l'Inghilterra... però gli americani possono tutto, evidentemente...
A questo punto, non mi resta che concludere così: che la regina fashion victim possa regnare a lungo!

Voto: 7,5































3 commenti:

Marco Goi ha detto...

grazie alla forte componente teen-drama, lo preferisco decisamente ai polpettoni storici :)

Federica ha detto...

a me inizialmente piaceva nonostante tutti i "nonostante" e per i motivi che hai elencato tu.

Poi verso la fine della stagione mi ha un po' scocciato, non credo vedrò la seconda stagione

Anonimo ha detto...

L'ho appena iniziato,per ora mi piace!!
Holly